Analizzando il voto di ieri, acutissimi giornalisti insinuano di un supporto non trascurabile alla vittoria del no di Alba Dorata (forte del 6,28% e di 388447 voti delle elezioni di gennaio) per screditare Tsipras e il suo governo, definiti da più voci politicamente spuri, contagiati, doppiamente pericolosi, rivoluzionari di sinistra e di destra, gli estremi che si toccano. La vecchia puttanata, insomma, dei fascisti e dei comunisti che si incontrano in vacanza sulla faccia oscura della Luna. Faccio solo maliziosamente notare che ieri 357153 greci, il 5,8% dei votanti di un referendum con una scheda in formato A4 divisa da una netta linea verticale, nei due terzi i quesiti e in un terzo due grandi quadrati con scritto sopra sì e no, sono riusciti nell’impresa di consegnare una scheda bianca o nulla. Ma magari non c’entra niente, eh.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.