“Buongiorno, vorrei saldare il conto.”
“Buongiorno a lei. Stanza?”
“204. Ecco la chiave.”
“Minibar?”
“Scusi?”
“Ha bevuto qualcosa dal minibar?”
“Da dove?”
“Quel frigo che è in camera, con i drink.”
“Ah, mi scusi, sono ancora un po’ rintronato, non sono abituato a svegliarmi alle sei.”
“Nessun problema. Ha preso qualcosa?”
“Ho bevuto un bicchier d’acqua prima di andare a letto e uno poco fa.”
“Ah ah ah! Voi romani siete sempre simpatici. Ha preso qualcosa dal minibar o no?”
“No, ma ho ancora sete. Ha un bicchier d’acqua?”
“Le offriamo un succo di frutta? Arancia? Pesca?”
“L’acqua andrà benissimo, grazie. Liscia.”
“C’è solo leggermente.”
“Cosa?”
“Leggermente frizzante.”
“Io vorrei capirvi meglio.”
“Cosa?”
“Sono di nuovo sveglio, purtroppo. Grazie ma scappo, il treno è tra venti minuti.”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.