Dovremmo fermarci un attimo tutti insieme per ascoltare in silenzio questa storia. Ce la racconta per bene Wayne Shorter col sax, mentre Joe Zawinul ci fa le sue solite coccole, piano piano col synth.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.