Gentilissima signora zicologa,

oggi ho letto il suo bellissimo articolo nòvo.
Lei scrive veramente da paura, ‘o sa?
Così bene che me’o so’ riletto ‘na cifra de vorte.
Ma pe’ davero, eh!
Uno come me che è stato più ar gabbio che ‘n parocchia fa ‘n po’ fatica co’ ‘ste cose da capoccioni.
Ma a’a fine me sa de ave’ capito che intendeva.
C’ho dietro quarcosa, quarcosa che nun va.
Che ho fatto: me so’ subito girato de scatto pe’ vede’ se ce fosse quarcosa o quarcheduno, e mentre me giravo ho visto co’a coda dell’occhio quarcosa de scuro che s’annava a nasconne.
C’ho riprovato, de scatto, velocissimo, e ‘a cosa scura me fa ‘o stesso.
Mo m’è venuta ‘a nausea e nun riesco più a sta’ dritto ‘n piedi.
Davero eh, me gira tutto.
Gentilissima signora zicologa, me sento male, devo vomita’, che me pò prescrive ‘na pasticca?
Gentilissima signora zicologa, ma seconno lei pe’ davero tutti ‘sti problemi che c’ho dipendono da ‘sti gatti neri che c’ho ‘n casa?

Distinti saluti.

image

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.