Ma sì, oggi damo pure addosso all’olandesi perché sfonnano ‘r Centro De Roma e riescono na’a storica impresa de genera’ traffico. Perché de solito er traffico nun c’è. Oggi tocca a loro, se la pijamo co’ loro. Oggi dichiaramo guera all’Olanda, ‘nvece che ‘a Libbia. E la calata dei barbari, e vedi quelli che so’ tanto pulitini e c’hanno le città co’ ‘e biciclette invece poi fanno peggio dei noi e vengono a sfascia’ i Nostri Monumenti! (orore! e se pulissero le mano, che so’ tutti sporchi zozzi de smog, che l’ho scoperto in età adulta che er travertino è bianco). ‘Sti cazzo de monumenti che manco sapemo ‘ndo stanno, perché ce stanno, e chi cazzo l’ha fatti. Che ‘nvece de impegnacce a conosce davero ‘n po’ ‘sta città, ‘r primo penziero che c’avemo er sabato è se anna’ a fa’ ‘a spesa o se falla domenica e poi no, dai, ‘sti cazzi, stasera me vojo diverti’ e domani dormo, che poi è ‘n attimo che è lunedì, vedemose ‘n filmetto sur divano, abbiocco ner pomeriggio e poi se esce, daje. Ma sapete a me che m’ha rotto ‘r cazzo? Uno, che ner duemilaquinnici stamo ancora a giudica’ delle enormi teste de cazzo in base ar colore che portano ‘ndosso, arancione, nero, ‘a terza maja ‘n m’a’a ricordo. Due, de senticce sempre piagne quanno l’altri c’entrano dentro casa e buttano ‘na carta pe’ tera, come se fossero l’altri a tene’ ‘sta città ‘na merda trecentosessantacinque giorni l’anno. Tre, me so’ rotto ‘r cazzo che sta città fa schifo e ce se riempimo la bocca. Roma nun è bella e nun è bòna. Nun lo è più. Roma nun è capoccia, nun è ‘n cazzo, nun conta ‘n cazzo e ce campamo tutti male. ‘N c’è gniente da esse orgojosi. Roma è ‘na vecchia casa sciatta mezza abbandonata ai sorci, zozza lurida come quelli che c’abitano dentro. Io quando incrocio ‘no straniero che spende sordi pe’ veni’ a Roma, ‘n mezzo a ‘sto schifo, nun me ce riesco a ‘ncazza’ manco se fa quarcosa de male. Io me vergogno. Me ‘ncazzo e me vergogno. Perché lo so bene quanto ‘sto schifo che avemo creato te fa’ veni’ voja de comportatte de merda, de butta’ ‘a monnezza ‘ndo capita, de parcheggia’ er motorino sur marciapiede, de manna’ a fanculo ‘r primo sconosciuto che rallenta su’a tangenziale perché nun è sicuro ‘n do’ deve usci’. Lo so bene quanto ‘sto schifo te fa’ senti’ sporco, quanto te fa’ veni’ voja de annattene, quanto te fa’ veni’ voja de pijattela co’ l’altri. Perché ‘o sai che se inizi a pijattela co’ te stesso, no’o sai quanno finisci.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.