Mentre i pupazzetti dentro la tivì del bar si adornano di posizioni politiche che neanche i trasferelli, io continuo con fierezza a prendermi il caffè al vetro, un po’ lungo, amaro, non sbattuto sul bancone.
E guai se sa di bruciato.
E me lo servi con un sorriso, cazzo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.