‘N ve sbajate…nun è giorno de festa,
questo è ‘r giorno che ‘r lavoratore s’aridesta:
er porello de toje ‘a sveja s’è dimenticato,
e quindi belli mija, si vedete nuvole intorno,
tranquilli, so’ solo ‘n po’ de parole brutte,
forti e grosse, lanciate sopra ‘r monno.
Ma cor vinello fresco, e fave e er pecorino,
er lavoratore diventa ‘n lavoratore canterino.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.