Nun v’offendete eh, ma me gireno un po’ quanno sento parla’ romano a ciufolo da gente de fòri er Raccordo, bisogna mette quarche paletto. Io ‘o capisco che ve diverte e che ve fa’ ride, ce mancherebbe, ma io ‘o dico pure pe’ voi, che poi magari venite a Roma e ve rideno appresso.

Lezioncina cor ditino da professore:

L’espressione ‘sti cazzi (con le varianti rafforzative Ma ‘sti cazzi! e E ‘sti cazzi ‘n di-i metti?) si usa quando l’oggetto della conversazione non desta interesse (es: “Ahò bella Fra, hai saputo de Giggi che s’è accannato co’ Mara?” “E ‘sti cazzi?”).

L’espressione ‘sto cazzo (spesso seguita dal complemento: ‘sto cazzo de Mario!) si usa per notare l’eccezionalità, in senso positivo, dell’oggetto della conversazione. (es: “Daje Roma!” “’Sto cazzo der Capitano, quanto cazzo è forte!”).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.