Quattro ‘nvortini ‘mperiali ar zugo (ricetta pe’ du’ giorni)

Ingredienti pe’ quattro ‘nvortini ‘mperiali…

  • Quattro belle fette de carne de manzo. È importante che sia carne che costa poco, perché ‘sta ricetta punta a’a massima gioia senza dove’ spenne troppo, che er tajo sia ‘n tajo magro e saporito (‘a fesa de manzo va benone) e che ‘e fette nun siano erte, cioè che siano sottili tipo du’ o tre millimetri, ma nun te devono fa’ pena tipo qua’a soletta de vitella che te fa’ tu’ zia, perché queste c’avranno ‘na bella fine.
  • Quattro ova medie. Ovviamente de gallina, niente stronzate.
  • Quattro fette sottili de mortadella. Quella senza pistacchio, ma coi grani de pepe nero.
  • Du’ carote. No carote enormi. No carotine baby der cazzo. Du’ carote.
  • Un paro de gambi de sedano.
  • Sarza de pomodoro a volontà. Vanno benone i pelati, passati pe’ bene, artrimenti si è stagione e te regge de pulilli, vai coi pomodori freschi. No pomodorini der cazzo, però: pomodori da sugo, perché stamo a fa’ er sugo pe’ magna’, no pe’ fa’ ‘e decorazioni. Quindi tipo San Marzano o analoghi.
  • ‘no spicchio d’ajo.
  • Ojo d’oliva.
  • Sale.
  • Pepe. Nero.

…che se fanno così.

Se ‘n casa c’hai ‘n batticarne bene, altrimenti fatte stende pe’ bene ‘e fette de carne dar macellaro. Metti sur fuoco, ‘n fuoco basso, ‘n ber tegame co’ dentro ‘n secchio de sarza de pomodoro lenta (magari ce metti l’acqua co’ cui sciacqui er barattolo). Mettice pure ‘n po’ d’ojo, ‘no spicchio d’ajo e sale e pepe. Niente de soffritto e poco sale: è importante che ‘a sarza sia tanta e dorce, ma cor pepe fa’ come te pare. Fai quattro frittatine co’ e quattro ova, senza sale. Te devono veni’ sottili: io di solito ‘e faccio, una pe’ una, in una padella antiaderente da ventiquattro, diciamo che te devono veni’ più o meno tipo ‘na fetta grande de mortadella. Taja a bastoncini, tipo fiammifero, ‘e carote e ‘r sedano dopo avelli puliti bene. I bastoncini devono esse un po’ più corti del lato corto de’e fette de carne. Ce la poi fa’. Ora prepara gli ‘nvortini. Stendi una sopra all’artra prima ciascuna fetta de carne, poi ‘na frittata e poi ‘na fetta de mortadella. ‘A mortazza e ‘a frittata le ritaji cor cortello dove so’ più grandi de ‘a fetta de carne. E i ritaji te ‘i magni. È ‘n diritto de te che sei cuoco. Se invece so’ più piccole, sei ‘no stronzo. Così se scoprono gli stronzi. Comunque, fai come te pare. Ora ce metti, più o meno all’inizio, ‘n po’ de fiammiferi de carota e sedano in parti uguali, ‘n mucchietto compatto, e ‘nvorti tutto per bene, stretto stretto, e lo chiudi co’ due o tre stuzzicadenti de legno. Me raccomanno che sia chiuso bene, perché deve coce ‘n ber po’ e nun se deve apri’. Ora tuffa ‘sti ‘nvortini nella sarza bollente, che li deve copri’ bene. Se ne hai messa poca, cioè no un secchio come te avevo detto, sai già come te chiami. Ora devi fa’ coce tutto per bene, a foco basso, pe’ armeno tre quarti d’ora. Passati i tre quarti d’ora, assaggia. Quanno te sembra pronta, togli gli ‘nvortini dar tegame e te li metti ner piatto. Aggiungi alla sarza ‘n filo d’ojo a crudo e mescola bene. Poi copri ciascun involtino co ‘na cucchiaiata de sugo, così poi ce fai ‘a scarpetta. Io di solito ne servo uno a cranio, però ‘a mia ragazza m’ha detto che è da stronzi, quindi ora ne servo due. Te prego, dimme de nun dovette spiega’ che ce devi fa’ er giorno dopo co’ quer sughetto saporito.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.