Rega’, qua stamo a sbraga’.

Er problema nun è Giachetti che
rompe lo schermo e fa il meta-sindaco metàuscierearministero pe’ fa’ er
simpatico, Orfini che gioca co’ paletta, secchiello e catrame, Arfione
che fa’ finta de sentisse a suo agio sur tram dopo ave’ pulito er sedile
cor gomito, Gioggia che ce vo’ fa crede de esse simpatica ma rigorosa
ar tempo stesso come ‘no smarto antiruggine fucsia sur passato suo e
dell’amici sua, o Vigginia che punta tutto su quanto fanno schifo
i compagni de e-lezioni, così quanno pijerà sei e mezzo ar compito che
j’hanno passato dar telefonino e l’altri pijeranno quattro se sentirà ‘n
genio, ‘a prima de’a classe, e continuerà a fa’ ‘a fanatica cor trench
bianco su ‘a linea C.

Qua
nun è che stamo a perde ‘a dignità e nun è nemmeno che nun ce l’avemo
mai avuta, non diciamoce cazzate pe’ scherza’: a noi romani de’a
dignita’ ‘n fonno ‘n ce ne frega ‘n cazzo, nun è importante. Ma mica
perché, presi uno per uno, ‘n ciavemo ‘na morale o ‘n etica, è perché
quanno sbraga quarcuno che comanna, o che vole comanna’, ce piace,
perché ner tempo avemo accumulato tarmente tanta frustrazione che
c’avemo ‘n bisogno della Madonna de guarda’ quarcuno che comanna, o che
vole comanna’, e facce du’ risate sopra, e c’avemo più bisogno de questo
che de ragiona’ sur serio, e manco se ne rendemo conto. E questo è vero
da circa ‘n paro de mila anni.

Ecco, sì, le risate, e bravi i miei spin doctor: funzionano, fanno bene, avoja, applausi.

Ma poi? Dopo che avemo riso che succede? Che viene? Le Olimpiadi?
Passamo er tempo a parla’ delle Olimpiadi? Ma stamo davero a parla’
delle Olimpiadi? Er Giubbileo, le Olimpiadi, so’ solo artri cartelloni
pubblicitari enormi che coprono le rovine, che nasconnono a verità. Che
volemo fa’? Guarda’ i cartelloni mentre guidamo e anna’ a sbatte? Se
rimettemo pe’ artri dumila anni a pensa’ ar passato e ar futuro invece
che ar presente?

Nun è che propio mentre ridemo, mentre ce fanno
ride, s’accorgemo che tanto era solo pe’ ride, tanto pe’ canta’, e poi
s’appassimo, ce resta er solito saporaccio ‘n bocca e se rimettemo a
spazzacce da soli er pezzetto de marciapiede davanti ar portone?

Me sa me sa, me sa de sì, perché ‘sti quattro so’ uno più mediocre
dell’artro. Nun è che fanno ‘e strategie de comunicazione, questi.
Questi ‘n so’ boni, fateve servi’, questi so’ er resto der resto de’e rimanenze de Mas.

Annamo bene.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.