Stassenti’.
Anzitutto me metto ‘n testa ‘n ber cappelletto cor giornale e me faccio muratore, poi ‘mpugno ‘n ber mazzetto de cicoria, ‘a lesso pe’ dieci minuti in acqua bollente, ‘a raffreddo sotto l’acqua, ‘a strizzo pebbene, ‘a tajo grosso modo e ‘a faccio friccica’ ‘n padella co’ peperoncino fresco, ajo e ojo, finché perde quasi tutta l’acqua e se crocca ‘n pochetto, poi giusto ‘n pizzico de sale.
‘N paro de fette erte de pane di Lariano, ‘a cicorietta ripassata, amara er giusto, tre fette de mortadella che più fina ‘n se pò e ce do dentro.
Me so’ spiegato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.