Travolto dall’epifanica esperienza vissuta ieri in un negozio di prodotti casalinghi e cosmetici, dove il suo glorioso e ineluttabile sorriso era riprodotto su una miriade di confezioni a manifestare la sua importanza nel mondo al di là del cielo, sono qui a chiedervi, a difesa del il mio quieto e terreno vivere, se io possa non sapere chi sia e da dove venga questa bella madonna priva di un cognome, tale Violetta.

Umilmente vostro,

Emiliano Brunori

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.