Vincent Van Gogh, anima tormentata per eccellenza, iniziò a dipingere a ventisette anni. A trentasette anni, quando morì, aveva realizzato circa novecento quadri. Novecento quadri in dieci anni sono molti, per non tenere conto poi del livello artistico. A trentasette anni, quando morì, ne aveva venduto uno, uno su novecento. Cercò infine di uccidersi, sparandosi malamente e vivendo un’agonia durata ben due giorni. Le sue ultime parole prima di morire, riferite dal fratello Theo, furono: “La tristezza durerà per sempre”. La mattina, quando ti alzi e sai che ti aspetta una giornata pesante, o la sera, quando torni a casa e ti senti insoddisfatto, vedi di non rompere troppo i coglioni, potenziale elettore di sinistra del cazzo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.